#BLU2016 riceve Medaglia da Presidente Mattarella.

“Blu”, la Biennale del libro universitario promossa dal “ConUnibas”, il Consorzio dell’Università degli studi della Basilicata, ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica, conferita dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, quale suo premio di rappresentanza: la Medaglia è stata conferita, in particolare, a tre convegni (“Divulgazione scientifica e verifica delle fonti: i nuovi orizzonti del mondo della comunicazione globale”, “L’evoluzione della produzione del sapere accademico” e “L’editoria accademica e il sapere aperto”).

 “Per l’Università della Basilicata – ha detto la Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole – questo prestigioso riconoscimento è naturalmente motivo di grande orgoglio. Costituisce un’autorevole conferma della qualità del lavoro che l’Unibas sta svolgendo e, al contempo, un ulteriore stimolo per proseguire con ancora maggiore forza e determinazione nel percorso di crescita e di rafforzamento del nostro Ateneo, con l’obiettivo di farlo diventare sempre di più punto di riferimento essenziale non solo per la Basilicata, ma per tutto il Mezzogiorno”.
  
La seconda edizione, conclusa ieri 6 ottobre, ha visto grande attenzione da parte delle case editrici che hanno partecipato, 15 university press italiane e 11 case editrici indipendenti, nello scenario moderno e confortevole della nuova biblioteca di ateneo, allestita per l’occasione con materiale ecologico grazie alla Luna al Guinzaglio e con i quadri e le opere di artisti lucani, 46 gli speaker intervenuti da ogni parte d’Italia. Nella nuova struttura più di 20 gli eventi svolti fra meeting, presentazioni, concerti, proiezioni e attività per il sociale. “Il risultato più significativo raggiunto in questa edizione dell’evoluzione è sicuramente il nuovo volto, la nuova prospettiva per BLU -dichiara Antonio Candela, A.D. ConUnibas – che diventerà una manifestazione itinerante su base nazionale ospitata, a tappe, dagli Atenei di tutta Italia”. Uscire dai confini regionali in cui è nata: questa è la direzione intrapresa per la fase della maturità di questo evento unico in Europa che riempie un piccolo ma importante gap nel sistema della divulgazione del sapere accademico. L’evento , ancora una volta, anche grazie al contributo della Banca BCC Laurenzana e Nova Siri, si è retto per il 90% da fondi privati e questo la dice lunga sul potenziale che questo evento può esprimere. Grazie al sostegno della Rettrice Aurelia Sole, l’obiettivo raggiunto è frutto della sinergia fra ConUnibas, le strutture e il personale di Ateneo che hanno lavorato in simbiosi con realtà esterne di giovani lucani fra cui Lavoradio, l’associazione Woody Groove, Silvio Giordano, Io Potentino Onlus , associazione Elis , Letti di sera e tutti gli altri che hanno partecipato e che hanno riempito di contenuto reale questa manifestazione. 
“Il dono più grande che questa Biennale ci lascia – conclude Antonio Candela – è l’essere diventata patrimonio della comunità accademica italiana, ma il riconoscimento del Presidente della Repubblica ci inorgoglisce e rende ancora più preziosa questa seconda edizione della Biennale, che puntiamo a far diventare il primo evento europeo di settore”.

Ad maiora!

admin
Shares